• ContestecoSalvaSalvaSalvaSalvaSalva
  • SalvaSalvaSalvaSalvaSalva
  • SalvaSalvaSalvaSalvaSalva
  • SalvaSalvaSalvaSalvaSalva
  • SalvaSalvaSalvaSalvaSalva
  • SalvaSalvaSalvaSalvaSalva
  • SalvaSalvaSalvaSalvaSalva
  • SalvaSalvaSalvaSalvaSalva
  • SalvaSalvaSalvaSalvaSalva
  • SalvaSalvaSalvaSalvaSalva
  • SalvaSalvaSalvaSalvaSalva
  • SalvaSalvaSalvaSalvaSalva
  • SalvaSalvaSalvaSalvaSalva
  • SalvaSalvaSalvaSalvaSalva
  • SalvaSalvaSalvaSalvaSalva

Le ultime News

SMOG: un nemico "quasi" invisibile

L'inquinamento prodotto dai mezzi di trasporto stanno causando enormi danni all'ambiente e alla salute degli esseri umani quindi bisogna investire sui biocombustibili e fonti di energia rinnovabile

L'impatto che l'inquinamento dell'aria ha sull'ambiente e sulla salute dell'uomo è devastante. Lo produciamo continuamente non sfruttando le fonti di energia rinnovabili che la natura e il nostro pianeta ci mettono a disposizione. Ma le coscienze si stanno svegliando per evitare una catastrofe irreversibile. Ecco in quali modi e con quali mezzi.

Quello dell'inquinamento dell'aria a causa dello smog prodotto dalla mobilità è un problema del quale si parla da decenni ma, nonostante si sia presa coscienza come mai prima dell'urgenza di contrastarlo, siamo ancora troppo lontano dal risolverlo. Da una parte esiste la necessità delle persone di spostarsi e nel minor tempo possibile da un luogo ad un altro, dall'altra la nocività dei mezzi di trasporto utilizzati per effettuare questi spostamenti. Autoveicoli, camion, autobus, aereitreni e navi ne sono la quasi totalità. E' necessario quindi trovare un compromesso per far convivere le due cose: spostamento e diminuzione dell'inquinamento. Negli ultimi anni poi, si è aggiunta anche una terza variabile a complicare ulteriormente la questione ovvero il costo, l'aspetto economico.

Contesteco 2020 | Egida Estate Romana e termine ultimo per l'iscrizione prorogato

Contesteco 2020 | Egida Estate Romana e termine ultimo per l'iscrizione prorogato

Cari appassionati e artisti d'arte del riciclo vogliamo comunicarVi due importanti notizie: 

  • la prima

CONTESTECO da diverse stagioni fa parte del programma FAI LA DIFFERENZA, che - da sempre - si pone l’obiettivo di diffondere tra i giovani la cultura della sostenibilità.

E' per questo che, oggi, dopo tanto impegno, siamo orgogliosi di informarVi che CONTESTECO è parte integrante di FAI LA DIFFERENZA, C'E'... il Festival della Sostenibilità che si svolgerà a Roma, sotto l'egida dell'Assessorato alla Crescita Culturale di ROMA CAPITALE, e inserito nel grande contenitore dell'Estate Romana 2020 - oggi ROMARAMA.

Reputiamo dunque che il contest si sia fregiato di un'egida davvero molto importante.
Nella Giuria Qualificata che sceglierà le opere vincitrici di questa nuova edizione troveremo - come da progetto - anche il Vicesindaco con delega alla Crescita culturale Luca Bergamo: ve ne daremo conferma nel corso delle prossime settimane.

E' per questo che viste le tante richieste che sono pervenute da tanti artisti e appassionati di riciclo creativo diamo

  • la seconda notizia


da oggi il termine ultimo per l'iscrizione è stato spostato al 31 Agosto 2020 
e l'invio delle opere in visione attraverso i mezzi digitali è stato prorogato al 6 Settembre 2020: 
sarà dunque possibile iscriversi entro il 31 Agosto 2020 e inviare - per ora - online la propria opera entro il 6 Settembre 2020.
Quindi, c'è ancora più tempo per dar vita ad opere uniche e originali e tenere accese fantasia e creatività per partecipare al concorso d'arte e design sostenibile + eco del web: CONTESTECO 2020.
Le opere finaliste verranno esposte dal 24 Settembre 2020 presso il Centro Commerciale EUROMA 2, nel Municipio Roma IX, perché lo ricordiamo se il pubblico non và all’arte, l’arte del riciclo và al pubblico e lo incontra - in modo provocatorio - nel Tempio dello Shopping.

START UP E SOSTENIBILITA' - La Green Economy come ispirazione della nuova imprenditorialità

La green economy e la sostenibilità ambientale sono il futuro dell'imprenditorialità attraverso le startup

Tecnologie sostenibili ed energie rinnovabili stanno spronando sempre più Start up in tutto il mondo ad investire sulla green economy. Il futuro è inevitabilmente diretto verso l'ecosostenibilità delle innovazioni. Vi spieghiamo perché, solo avendo questa visione imprenditoriale, sarà possibile rimanere nel mercato globale del lavoro.

Negli ultimi anni una presa di coscienza sempre maggiore delle problematiche legate all'ambiente anche in relazione alla qualità della vita degli uomini, ha determinato un incremento sempre maggiore di imprenditori, aziende e Startup che decidono di investire sulla green economy e sulla sostenibilità. I cambiamenti climatici provocati dalla filiera produttiva dell'uomo fin qui adottata, stanno causando fenomeni naturali sempre più violenti e distruttivi. La costante deforestazione di immensi spazi verdi per la produzione di combustibile per riscaldamenti o per lo sfruttamento edilizio e di risorse minerarie oltre all'inquinamento causato dalle varie forme di mobilità come automobili, navi e aerei, sono tra le maggiori cause che hanno accelerato paurosamente questo processo di cambiamento del clima.

L'educazione ambientale: un'investimento per il futuro

Educare i bambini a rispettare l'ambiente e il miglior investimento per un futuro all'insegna della sostenibilità

Educare le nuove generazioni al rispetto dell'ambiente è il migliore investimento per il futuro del Pianeta. Le opportunità per insegnare ai più giovani a vivere nel rispetto della sostenibilità sono molte più di quelle che immaginate!

I bambini non sono certo i responsabili dei problemi dell'ambiente. Ma sono certamente le prime vittime dello sconsiderato modo di vivere degli adulti. Quindi, per poter essere in grado di insegnare ai più giovani il rispetto dell'ambiente, è necessario prima di tutto che gli adulti diano loro il buon esempio. Questa è probabilmente la cosa più difficile perché la cultura e la consapevolezza del rispetto dell'ambiente che ci circonda è ancora troppo limitata. Non è facile dire ad un bambino di non buttare la carta della caramella per terra quando poi vede tantissimi rifiuti gettati in strada o sui prati mentre fa una passeggiata. Ma i bambini, oltre a vedere, sanno ascoltare molto bene e imparano da quello che gli viene detto. Cosa possiamo fare quindi concretamente per insegnare ai bambini a vivere quotidianamente nel rispetto dell'ambiente che li circonda?.

Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni