Cortometraggi, un'appassionante opportunità per raccontare e difendere l'ambiente

I cortometraggi e contesteco

Il cinema, in quanto arte, ha bisogno di raccontare al pubblico le tante questioni che riguardano l’essere umano. La principale virtù della settima arte è certamente quella di avere una grande popolarità, ma ha inoltre il “potere” di trasmettere e diffondere importanti messaggi. Il mondo del cinema, oltre ai film e ai documentari, comprende anche i cortometraggi che sono un perfetto strumento per divulgare le tematiche ambientali.
Viviamo in un’epoca in cui la crisi ecologica è entrata a far parte dell’agenda politica mondiale, e nella quale ogni forma di comunicazione espressa dall’uomo è di grande importanza al fine di contribuire a sensibilizzare il pubblico ai temi della sostenibilità ambientale, del riciclo, del recupero e del riuso, e a far comprendere meglio i concetti di sviluppo sostenibile.

Cosa sono i cortometraggi e come possono raccontare l’ambiente

I cortometraggi devono il loro nome alla lunghezza della pellicola, la cui durata normalmente varia tra i 20 e i 30 minuti, anche se per legge basta che non superi i 75 minuti. Può avere un taglio narrativo ma anche documentaristico o d’animazione. Queste caratteristiche fanno del cortometraggio un perfetto mezzo di comunicazione per parlare di ambiente, dei problemi che lo affliggono, ma anche delle possibili soluzioni per risolverli. Alcuni esempi di cortometraggi a sostengo dell’ambiente sono:

Selfish (2019)

E’ un cortometraggio dell’animatore taiwanese Po Chien Chen, che affronta il problema dell’inquinamento degli oceani. In un ristorante di sushi, mentre agli umani consumano gustose portate di pesce, a tre avventori marini vengono serviti dei pasti a base di plastica accuratamente preparati dallo chef.

The Gigantic Change (2020)

E’ un cortometraggio animato ambientato nel futuro e più precisamente nel 2050. A narrare la storia è una nonna che racconta alla sua nipotina, come un tempo il pianeta stava morendo per mano dell’uomo, della sua avidità e le sue azioni irresponsabili. Un grido di allarme per denunciare i mali che affliggono l’ambiente e la natura, e del poco tempo che rimane a nostra disposizione per risolverli.

La Natura Umana (2021)

E’ un’opera dell’autrice e regista Consuelo Pascali. Sfruttando l’allegoria dantesca, affronta il rapporto dell’uomo con la natura nel suo percorso relazionale e di scoperta attraverso i tre regni: inferno, purgatorio e paradiso della Divina Commedia. La legge del contrappasso, il processo di purificazione e l’eterna beatitudine. Questo cortometraggio è stato tra le opere creative finaliste dell’edizione 2021 di Contesteco, il contest d’arte e design Sostenibile di Fai la differenza, c’è… il Festival della Sostenibilità.

Il cortometraggio è una delle forme artistiche con le quali è possibile partecipare anche alla nuova edizione di Contesteco, il contest d’arte e design sostenibile + eco del web. Un’opportunità per chi ama esprimersi attraverso la macchina da presa, di contribuire a raccontare e difendere l’ambiente. Le iscrizioni per Contesteco sono aperte fino al 12 Giugno 2022. Se vuoi saperne di più clicca qui.

Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni

DMC Firewall is a Joomla Security extension!